POPFORZOMBIE ► E.P. (DIGITAL, 2020)

POPFORZOMBIE ► E.P. (DIGITAL, 2020)

1,00

Descrizione

EP è il nuovo lavoro dei Popforzombie, pop band torinese che unisce sonorità indie e cantautorato, prodotta da Max Casacci dei Subsonica. Quattro canzoni intense e cesellate di sonorità che esplorano la nostra esistenza, gli angoli più remoti del nostro animo, le vittorie e le guerre, la vita e la morte. L’EP è pubblicato digitalmente da Vrec Music Label.

Ecco i significati dei brani canzone per canzone.

ANTARTIDE / Ognuno di noi ha dentro di sé un’Antartide, come quella che Robert Scott e Lawrence Oats cercarono e trovarono, e che li sconfisse nei primi anni del secolo scorso. E’ un Polo Sud personale, fatto di ricordi e di entusiasmi, di delusioni e di insuccessi. E’ la nostra identità, sempre uguale e sempre diversa. Sono le spedizioni fallite della nostra giovinezza, le nostre vittorie e i nostri amori subito dimenticati. E’ il catalogo degli nostri errori e di quello che sarebbe potuto essere e non è stato.

FIGURE UMANE ED ANGELI / Sono le figure dolenti ed abbozzate che vivono ai margini della nostra società. E’ il mondo dei reietti che vediamo passare dietro ai finestrini delle nostre automobili quando torniamo a casa la sera, che incrociamo per caso di notte, sui marciapiedi. Un mondo che tutti evitiamo pubblicamente, che è tutto ciò che non vogliamo nelle nostre vite, che ci definisce in negativo. L’altra faccia della medaglia, fatta però di carne e spirito esattamente come noi, di sacro e di profano come i nostri corpi e le nostre anime.

LIBIA /Quello che accade da anni in Libia è forse lo specchio del nostro occidente. Questa è una canzone che parla, ovviamente, di violenza e di guerra, ma che parla soprattutto di quello che non conosciamo, di quello che possiamo soltanto provare ad immaginare, e della visione sempre distorta che abbiamo di luoghi geograficamente vicini a noi, ma lontani anni luce dalle nostre vite.

UNO E’ PER LA VITA/ E’ una canzone sulla perdita, sul mistero di come si sopravviva alle persone e alle cose che abbiamo perso e a quelle che perderemo. Su quello che abbiamo avuto e non abbiamo più, e su quello che ci è rimasto. Sulla comprensione, tutta umana, del vivere e del morire, e del sopravvivere alla morte ed alla vita.

I Popforzombie sono Paolo Passera “Poli”  alla voce, Michele Battaggia “Bozzi” alla chitarra, Fausto Belardinelli “lypocodium” alla chitarra, Davide Costa al basso e Roberto Zaffaroni alla batteria. Nascono nel 2016 dalle ceneri dei SUBà, band torinese legata alla storica etichetta indipendente Toast Records di Giulio Tedeschi con la quale pubblicano 3 album nell’arco di un quinquennio, e dei più elettronici Moivo, band attiva tra Torino e Milano nei primi anni del secondo millennio con la pubblicazione di 2 album autoprodotti e un singolo (la mia generazione) inserito nel secondo cd della colonna sonora del film di Marco Ponti “A/R andata e ritorno” del 2004 edita da Mescal. Il 2016 vede la band alle prese con la stesura del primo album omonimo “popforzombie” interamente registrato e mixato presso l’Andromeda Studio di Torino avvalendosi della  produzione artistica di Rudy Di Monte (Subsonica, Statuto, Fratelli di Soledad). Il mastering viene affidato a Giovanni Versari presso “La Maestà” Tredozio (Forlì-Cesena)). Dal disco vengono estratti i singoli “Radio”, “Bianco” e “Lasciati cadere” con i relativi videoclip. Nel 2019 iniziano la collaborazione con Max Casacci (Subsonica) che produce artisticamente 4 nuovi brani che entreranno nel nuovo EP del gruppo in uscita nella primavera 2020 per Vrec Music Label.

Informazioni aggiuntive

Anno

Aprile 2020

3 recensioni per POPFORZOMBIE ► E.P. (DIGITAL, 2020)

  1. Vrec@dmin-Seo

    ROCKNATION ★★★★★ « la band pop torinese scivola tra morbide sonorità indie, con punte di cantautorato e sincero pop»LEGGI

  2. Vrec@dmin-Seo

    LA STAMPA – E adesso, chi fermerà i Popforzombie? LEGGI

  3. Vrec@dmin-Seo

    MUSICMAP ★★★★★ prendono forma i quattro pezzi di “E.p.”: un delizioso pokerino esente da bluff e mirato, piuttosto, alla sostanza di tematiche e sentimenti comuni, LEGGI

Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare…